Prossimi appuntamenti

In evidenza

  • Il Coro Amici dell'Obante compie 70 anni

    Solo le cose di valore resistono al tempo e i 70 anni di vita del coro «Amici dell'Obante-Città di Valdagno» lo dimostrano. La seconda guerra mondiale era finita da due anni quando un gruppetto di voci guidate dal giovane Gianni De Toni mise le basi di quello che diventerà una delle formazioni corali tra le più antiche fra quelle esistenti in Veneto.

  • La magia dello zymbaly. Giro del mondo in musica

    Femminile Singolare, rassegna di musica d’autrice promossa dal Comune di Valdagno. Protagonista del concerto, a cura del Coro Amici dell’ Obante per il proprio 70° anniversario, è lo Svetlana Zymbaly Trio, formato da Svetlana Skorobogataia, direttrice del Coro e virtuosa di zymbaly (strumento che si suona con dita e bacchette), Daniele Benetti al pianoforte e Luca Nardon alle percussioni. Nata a Minsk, in Bielorussia, laureata in direzione d’orchestra e zymbaly. Cosa le offre questo strumento, che ama così tanto? Lo zymbaly è uno strumento tipico della Bielorussia, che si studia nelle scuole, negli istituti musicali e nei Conservatori. Ha subìto una evoluzione, e da strumento diatonico, come si usava nella tradizione popolare, è diventato cromatico, aprendosi a qualsiasi tipo di repertorio. Mi sono avvicinata al suo studio da piccola, su consiglio dei miei genitori.

  • I “Signori delle Cime” alla ribalta da 70 anni

    Il canto, l’amicizia e la solidarietà. Questo e molto altro è il coro “Amici dell’Obante”: una realtà che ha inciso sulla vita di Valdagno realizzando eventi che si tramandano da decenni come il concerto pre-natalizio “Cante Nostre”, e ha dato per prima voce al capolavoro di Bepi De Marzi “Signore delle Cime” incidendo il brano a Milano. Il coro, formato da 38 elementi, compie 70 anni e non smette di esercitare il proprio fascino visto che di recente due sedicenni sono entrati a far parte della formazione. Vanta concerti in più angoli dell’Europa e del mondo, anche in occasioni di eventi internazionali come nel 1986 all’expo di Vancouver, e incroci con la Storia italiana grazie ad esibizioni davanti ai presidenti della Repubblica Giovanni Gronchi e Francesco Cossiga, all’avvocato Gianni Agnelli e Giulio Andreotti

I video

DOWNLOAD Curriculum IT/EN/FR/DE/RU

La croce sulla cima dell'Obante